Come saranno i viaggi dopo il coronavirus?

Man mano che i movimenti in giro per il mondo diventano sempre più limitati, è difficile immaginare come saranno i viaggi quando si ritornerà alla normalità.
La sconcertante diffusione globale della pandemia di coronavirus la rende particolarmente devastante, ma l’industria dei viaggi si è sempre ripresa dalle crisi del passato e gli esperti credono che anche questa volta si riprenderà.
“La gente vorrà sempre andare in giro, solo che questa volta sarà molto più attenta” afferma Adam Blake, professore di economia e responsabile della ricerca presso il Dipartimento di Turismo e Ospitalità dell’Università di Bournemouth, in Gran Bretagna. “E non solo si dovrà essere convinti che viaggiare è sicuro, ma si dovrà anche vedere i cambiamenti reali che rendono il viaggio più sicuro”.
Per ora non sappiamo quando o come andrà a finire la pandemia. Gli analisti pensano che anche quando la crisi della salute pubblica migliorerà i viaggiatori dovranno vedere un forte calo dei prezzi per potersi muovere di nuovo.
Ecco otto cose che i viaggiatori vedranno una volta che l’industria della ripresa sarà riavviata.

1) Prezzi bassi delle crociere

Gli amanti della crociera vorranno prezzi molto bassi man mano che le aziende riprenderanno il servizio, dice Christopher Anderson, Professore di Business presso la Cornell University’s Hotel School di Ithaca, New York. Questa sfida , i prezzi bassi, è l’elemento per attrarre nuovi clienti per i viaggi in crociera ” per la sopravvivenza del settore”. Anderson ha anche suggerito che sarà necessario riconfigurare alcune delle nuove navi ancora in costruzione con cabine più grandi. Una minore densità di passeggeri potrebbe essere un modo per attirare nuovi clienti. La riduzione del servizio di ristorazione a buffet e una maggiore propensione per i pasti a la carte potrebbe essere un altro modo per rassicurare i viaggiatori scettici sui viaggi in crociera.


2) La pulizia sarà un voce molto importante


“Tutti-che si tratti di crociera, di alloggio o d’hotel- dovranno cambiare il modo in cui curano e puliscono l’ambiente con cui i clienti interagiscono e lo dovranno comunicare agli ospiti per aumentare il loro livello di comfort”, raccomanda detto Anderson.
Jan Freitag, vicepresidente di Lodging Insights for Hospitality Analysis Company STR, ha sottolineato anche l’aspetto igienico-sanitario, facendo riferimento a “nuove e visibili misure” necessarie per mostrare quanto siano pulite le strutture ricettive. Che si tratti di disinfettanti per le mani ovunque o di disinfettare regolarmente le superfici dure, “ci sarà un chiaro regime di comunicazione ai clienti, “ecco cosa stiamo facendo per tenervi al sicuro“, dice Freitag.

3) I prezzi negli hotel scenderanno prima di risalire

Le tariffe degli hotel negli Stati Uniti sono diminuite del 30% la settimana del 21 marzo, secondo Freitag, e “le tariffe scenderanno sicuramente prima di risalire”.
Storicamente, in tempi di grande incertezza come nel 2001 dopo gli attentati dell’11 settembre o dopo la fine della recessione nel 2009, c’è voluto il doppio del tempo per far rimbalzare le tariffe delle camere rispetto al loro punto più basso, continua Freitag. Alcuni hotel potranno cambiare di mano dietro le quinte, ma rimanere operativi e sotto lo stesso marchio.


4) I viaggiatori potranno sentirsi più sicuri negli hotel rispetto alle case vacanza.

Anderson dice che una “grazie salvatrice” per gli hotel potrà essere il disagio dei viaggiatori con opzioni alternative di alloggio come Airbnb e altri siti di affitti per le vacanze, perché queste strutture faticheranno a comunicare ed a standardizzare le rigorose misure di pulizia.
” Avrò bisogno di una sicurezza e di protocolli di pulizia consolidati che mi vengono forniti da un fornitore di alloggi “, dice Anderson, che prevede un impatto negativo a breve termine per gli affitti di tipo Airbnb”.


5) Cercare tariffe aeree più basse e aerei più vuoti
La gente si sentirà più tranquilla a viaggiare in aereo se gli aerei saranno meno pieni, dice Anderson.
“Se vogliamo davvero invertire la tendenza, le compagnie aeree devono volare con posti vuoti al centro e prezzi molto più bassi di quelli dell’estate scorsa”,
Diversi vettori hanno annunciato la scorsa settimana l’intenzione di eliminare alcuni servizi di ristorazione e di assegnazione di posti intermedi per tagliare i costi e ridurre l’interazione a bordo.
Anderson vede i viaggi d’affari rimbalzare per primi, seguiti dai viaggi nazionali per il tempo libero. I viaggi transoceanici avranno probabilmente un ritardo, ha detto.

5) I viaggi d’affari potranno stimolare la ripresa

I viaggi d’affari possono stimolare la ripresa per le compagnie aeree. Anche se molte aziende preferiranno condurre le riunioni in modo virtuale, Anderson si aspetta che il desiderio di interagire di persona contribuisca a stimolare la ripresa delle compagnie aeree. “Credo che le persone abbiano bisogno di interazione, ed è possibile che una pausa prolungata nelle normali relazioni d’affari possa far saltare l’inizio del viaggio aereo mentre la gente cerca di tornare al lavoro e di creare opportunità”.

7) Maggiore flessibilità per i viaggi per un tempo


I viaggiatori in aereo avranno una maggiore flessibilità di prenotazione – per un po’ di tempo.
Anderson si aspetta che le compagnie aeree – che hanno esteso una serie di deroghe e di opzioni flessibili di ri-prenotazione man mano che l’epidemia avanzava – continueranno ad essere meno severe con spese di cancellazione e di modifica – per un periodo di tempo. “Penso che quando arriveremo al 2021, torneremo alla vecchia maniera”.


8) L’aumento della sostenibilità è un possibile colpo di fortuna.


Se c’è un lato positivo per i viaggi in questa crisi è l’opportunità di affrontare i problemi che erano al top prima dell’arrivo del coronavirus,dice l’emittente di viaggi Peter Greenberg in un recente video: “L’opportunità di affrontare i problemi che erano al top prima dell’arrivo del coronavirus”. L’overtourism, i viaggi sostenibili e l’ambiente erano tra gli argomenti più discussi prima della diffusione del coronavirus. “Possiamo tornare su questo argomento in modo molto più responsabile ed etico quando questa crisi finirà”, conclude Greenberg.

Articolo tradotto dall’inglese
https://edition.cnn.com/travel/article/coronavirus-travel-industry-changes/index.html?fbclid=IwAR2a_HUdlnUf5w_Vt4cI0Bz8JK9hVRIF-xREsQlYrI_bb4vUCaIpLWWO7Bs

Rispondi

it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: